Come promesso nel post precedente ecco che vi racconterò qualcosa di più dello Zoo di Pistoia, ovviamente non mi dilungherò su quanto siano belli gli animali o su quanto sia più o meno etico tenerli in gabbia, credo che ognuno di noi abbia già il suo personale pensiero in merito!

Vi racconterò invece le singole fasi operative del nostro viaggio, affinché la nostra esperienza possa tornare utile anche a chi di voi sta progettando di fare una gita proprio a Pistoia.

 

Siamo partiti da Bologna alle 10,30 e siamo arrivati allo Zoo alle 12,15, orario perfetto per il pranzo. Fatto il biglietto, (che per noi che siamo in sei è stata una bella botta!) siamo entrati e come prima cosa abbiamo cercato un’area dove poter fare un pick nick. Ci siamo infatti portati da casa tutto il necessario per poter mangiare in modo abbastanza sano e senza spendere tanto: riso al sugo per i più piccoli e frittata di spaghetti per i più grandi; uova sode di secondo, succhi di frutta e acqua a volontà.

All’interno dello zoo c’è una bellissima area destinata ai pick nick dove si può mangiare seduti su panchine di legno disposte attorno ai tavoli e allo stesso tempo permettere ai bimbi di giocare. IMPORTANTE: quando si fanno passeggiate o gite con i nostri cuccioli, mai cominciarle con lo stomaco vuoto, altrimenti si rischia di fare un sacco di fatica e di non divertirsi, dunque organizzatevi!

 

Dopo pranzo e qualche gioco comincia la nostra gita! Il percorso all’inizio è leggermente in salita ed anche piuttosto noioso,  ma superati gli orsi tutto diventa più semplice e gradevole.

Sono varie le specie di animali che potrete conoscere, ma la cosa che a noi ha veramente colpito molto e che ci ha fatto divertire è stata la possibilità di dare da mangiare a Caprette, Giraffe ed Elefanti!

Lo zoo si gira bene in almeno un paio d’ore, senza però soffermarsi troppo su ogni singolo animale.

I miei bimbi si sono divertiti molto, ma anche stancati… Appena saliti in auto si sono addormentati ed hanno dormito per tutto il viaggio!

 

IN COCLUSIONE: Indubbiamente la visita e i soldi spesi (tanti!) li valgono anche solo per l’esperienza di dare da mangiare a giraffa ed elefanti dalla propria mano

POSITIVI: alcuni animali vengono lasciati liberi di girare,  Staff molto gentile e disponibile e costo più basso rispetto a quello di Falconara!

NEGATIVI: non aver pensato ad una convenzione per famiglie numerose o biglietto famiglia

CONSIGLIO: Armatevi di monete da 20 centesimi!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Rispondi